Siete in:

 

La rete meteo-idro-pluviometrica

I fenomeni meteo-idrologici

Il Sistema regionale di Protezione Civile e Sicurezza Locale (SPCSL) nel corso degli ultimi cinque anni ha realizzato un’esteso sistema per il monitoraggio in tempo reale dei principali parametri meteorologici (precipitazioni, temperatura, umidità, vento ecc.), idrogeologici (livello idrometrico dei corsi d’acqua) e nivologici (spessore e temperatura stratificata del manto nevoso): la Rete Meteo Idro-Pluviometrica Regionale (RMIPR) che è uno degli strumenti cardine nel campo delle attività di previsione e prevenzione dei rischi idrogeologici svolte dal SPCSL.

La disponibilità in tempo reale h24 di dati utili a tenere sotto controllo l’evolversi degli eventi meteorologici e la risposta del territorio dal punto di vista idrogeologico, è un supporto fondamentale e indispensabile alle decisioni, consentendo di mettere in campo tempestivamente tutti gli interventi e le misure di sicurezza necessarie a fronteggiare le situazioni connesse con il rischio idrogeologico, sia attraverso procedure di allerta preventiva, sia attraverso la possibilità di gestione di eventi non prevedibili.

Gli obiettivi principali dell’attività della RMIPR sono quindi la costante sorveglianza e protezione del territorio regionale attraverso:

  • la conoscenza in tempo reale: dell’andamento del livello idrometrico dei corsi d’acqua, dell’entità delle precipitazioni interessanti il territorio regionale, dello spessore e della temperatura stratificata del manto nevoso nell’area dei Monti Sibillini ai fini della previsione e prevenzione dei rischi valanghivi;

  • la rilevazione, l’archiviazione, la visualizzazione ed elaborazione dei dati meteorologici e idrologici, con simultanea ridiffusione dei medesimi sul territorio verso le postazioni monitor abilitate;

  • la pronta disponibilità dei dati rilevati finalizzata sia alla produzione degli annali idrologici, sia per i più svariati utilizzi nei campi della meteorologia, dell’idrologia, dell’idrogeologia, dell’ambiente e della gestione delle risorse idriche e di quelle territoriali in genere.

La RMIPR è costituita da due grandi sottosistemi:

  • il sistema delle stazioni periferiche

  • il sistema radio ed i centri di controllo

Il primo è composto essenzialmente dalle stazioni periferiche, mentre il secondo è composto: dal sistema di comunicazione radio, dal centro di controllo e supervisione (CCSR), dal centro di gestione e amministrazione rete (CGR), dai centri monitor secondari (CMS) Il flusso dei dati parte dalla grandezza fisica rilevata dal sensore; l agrandezza viene convertita poi indato dalla centralina di acquisizione presente nella stazione e poi inviato al CCSR attraverso il sistema di comunicazione radio. Qui viene archiviato in un database di tipo relazionale e automaticamente ridistribuito, tramite broadcast radio, verso i centri monitor secondari presenti sul territorio.



Approfondimenti:
  • Le stazioni periferiche
  • Il sistema radio e i centri di controllo
  • Interpretazione Idrogrammi
  • RICHIESTA DATI METEO-IDROPLUVIOMETRICI


  • Vedi anche:
  • Chi siamo
  • Il sistema di Protezione Civile
  • Normativa
  • Provvedimenti - atti
  • Volontariato
  • Incendi boschivi
  • Terremoti
  • Rischio sismico
  • Rischio antropico
  • Rischio sanitario
  • Rischio idrogeologico
  • Studi e Pubblicazioni
  • Progetti Europei
  • Area riservata